Il regolamento della 56ª edizione




PREMIO CAMPIELLO

56/A EDIZIONE



REGOLAMENTO DEL CONCORSO


Per iniziativa della Fondazione Il Campiello e a cura del Comitato di Gestione del Premio Campiello nominato dalla Fondazione, è bandito a Venezia il Premio Campiello 56/a edizione, da assegnare ad un’opera di narrativa italiana (romanzo o raccolta di racconti) non tradotta da altra lingua con le caratteristiche e secondo le modalità sotto indicate.

SEDE

Il Comitato di Gestione e la Segreteria del Premio hanno sede presso:
Fondazione Il Campiello
Via Torino 151/C
30172 Venezia – Mestre
tel. 041/2517520, fax 041/2517576
www.premiocampiello.it; info@premiocampiello.it.

ORGANI

Giuria dei Letterati e Presidente della Giuria

Art. 1.
Il Comitato di Gestione nomina ogni anno la Giuria dei Letterati e il Presidente di Giuria.


La Giuria dei Letterati è formata da scrittori, critici e cultori di lettere. Il mandato annuale della Giuria è rinnovabile. Il Comitato di Gestione può nominare, se lo ritiene opportuno, anche persone che abbiano già fatto parte della Giuria in precedenti edizioni del Premio.

Il Presidente della Giuria deve essere una personalità del mondo della cultura la cui normale attività non sia legata alla letteratura militante. Il Presidente dura in carica un solo anno. Può essere rinominato solo dopo un quinquennio dal suo precedente incarico.

L’accettazione a far parte della Giuria comporta l’implicita accettazione del presente Regolamento.

Comporta inoltre la partecipazione agli eventi organizzati dal Premio in occasione delle celebrazioni conclusive, la presenza alle riunioni preparatorie per la scelta delle opere vincitrici, nonché la disponibilità ad intervenire ad altre iniziative collaterali organizzate nel corso dell’anno dalla Fondazione Il Campiello o da altre organizzazioni con l’appoggio della Fondazione stessa.

Comitato Tecnico

Art. 2.
Il Comitato di Gestione nomina ogni anno, con mandato rinnovabile, un Comitato Tecnico.

Il Comitato Tecnico è composto da tre specialisti in letteratura italiana contemporanea ed ha lo specifico compito di stabilire, nell’interpretazione del presente Regolamento, l’ammissibilità o meno al Premio delle opere proposte.

Giuria dei Trecento Lettori

Art. 3.
Il Comitato di Gestione nomina ogni anno una Giuria di Lettori.

La Giuria dei Lettori è composta da 300 persone – che abbiano cittadinanza italiana ed abbiano compiuto la maggior età - che soddisfino il criterio statistico di distribuzione geografica e socio-professionale individuato dalla Fondazione stessa.

I componenti della Giuria dei Trecento Lettori devono mantenere la riservatezza sul loro ruolo fino al giorno della Cerimonia di Premiazione.

E’ possibile far parte della Giuria dei Trecento Lettori una sola volta nella vita.


FUNZIONAMENTO DEL CONCORSO

Termini

Art. 4.

Possono concorrere al Premio le opere di narrativa italiana (romanzi o raccolte di racconti) pubblicate per la prima volta in volume cartaceo nel periodo 1 maggio 2017 – 30 aprile 2018 e regolarmente in commercio (devono riportare il codice ISBN che ne attesta la distribuzione e la regolare commercializzazione), i cui Autori risultino viventi alla data della riunione di Selezione della cinquina finalista (Art. 8).


I volumi che non portino specificata la data di stampa della prima edizione (anno e mese) o che non siano accompagnati da apposita dichiarazione dell’editore, non vengono presi in considerazione.
Non possono concorrere opere di carattere saggistico.

Ammissibilità

Art. 5.

Gli Editori o gli Autori che intendono partecipare al concorso devono far pervenire alla Segreteria del Premio venti copie del libro, entro e non oltre il 4 maggio 2018 (data di arrivo alla segreteria del Premio).

I libri pervenuti dopo quella data non possono essere ammessi al concorso.

Le venti copie dell’opera devono essere inviate alla Segreteria del Campiello a titolo gratuito e non verranno restituite.

Nel caso in cui l’opera non contenga nelle sue note tipografiche l’indicazione del mese e dell’anno di pubblicazione, tale indicazione deve essere fornita mediante dichiarazione scritta resa dall’Editore sotto la propria piena responsabilità.

Nel caso in cui l’opera sia stata pubblicata con uno pseudonimo, è necessaria una dichiarazione scritta in cui sia indicato il nome dell’Autore.

Gli Autori di opere segnalate dalla Giuria dei Letterati che non intendono partecipare al concorso devono esplicitamente dichiararlo per iscritto alla Segreteria del Campiello prima della data di Selezione della cinquina finalista.

Gli Autori che intendono concorrere devono impegnarsi a partecipare agli appuntamenti estivi di promozione dei libri finalisti organizzati dalla Fondazione Il Campiello e/o in collaborazione con altri enti/istituzioni. Tale impegno, che riguarderà solo gli autori finalisti, dovrà essere sottoscritto all’atto dell’invio delle 20 copie con apposito modulo (allegato).

Art. 6.

Ogni componente la Giuria dei Letterati è tenuto a segnalare alla Segreteria del Premio un minimo di cinque e un massimo di quindici opere di narrativa italiana (romanzi o raccolte di racconti) che ritenga meritevoli di partecipare al Premio.

Sono ammesse alla Selezione le sole opere segnalate dalla Giuria dei Letterati.

Art. 7.

Non più tardi di 10 giorni prima della data della Selezione, il Comitato Tecnico deve riunirsi per verificare l’ammissibilità delle opere al Premio, sulla base dei requisiti di cui agli articoli 4 e 5.

Il giudizio del Comitato Tecnico è insindacabile.


a) PREMIO CAMPIELLO - SELEZIONE GIURIA DEI LETTERATI
(Selezione della Cinquina finalista)

Art. 8.

La Giuria dei Letterati si deve riunire per procedere alla selezione di una cinquina di finalisti. Possono essere scelte anche opere che abbiano ricevuto altri premi o che siano di Autori precedentemente premiati al Campiello.

La seduta di Selezione è pubblica e si svolge secondo le modalità descritte al successivo Art. 9. La Selezione della 56/a edizione si terrà venerdì 25 maggio 2018, a Padova.

Art. 9.

Tutti i componenti della Giuria, compreso il Presidente, nel primo giro di tavolo, presentano con singoli interventi (il primo a parlare viene estratto a sorte e gli altri seguono secondo l’ordine alfabetico) un bilancio delle opere di narrativa apparse nell’annata letteraria, soffermandosi in particolare sui titoli che ritengono più significativi.

Votazione

Art. 10.

La votazione ha inizio a partire dal secondo giro di tavolo.

Ogni Giurato, compreso il Presidente, dichiara in maniera palese (il primo a fare la sua dichiarazione viene estratto a sorte e gli altri seguono secondo l'ordine alfabetico) le cinque opere che ritiene meritevoli di comporre la cinquina.

Vengono quindi prescelte, anche per successive votazioni, le opere che ottengono il maggior numero di voti e, in ogni caso, almeno i voti della metà dei Giudici più uno.

Nel caso di ex aequo che porti più di cinque opere a ottenere i voti della metà dei Giurati più uno, a completamento della cinquina si pongono a ballottaggio le opere con il punteggio più basso.

Nel caso in cui meno di cinque opere riescano ad ottenere un numero sufficiente di suffragi, i Giudici tornano a votare con analoghe modalità, per il numero di opere necessarie a completare la cinquina.

In qualunque fase della votazione, se dopo tre scrutini consecutivi la maggioranza dei voti richiesti non viene raggiunta da alcuna opera, quelle che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze nell’ultima votazione vengono sottoposte a ballottaggio.

Il giudizio della Giuria è insindacabile.

Art. 11.

Ad ognuna delle cinque opere prescelte viene attribuito un premio in denaro del valore di cinquemila euro.

Le opere selezionate per la cinquina devono fregiarsi del titolo “Premio Campiello - Selezione Giuria dei Letterati”. Questa dicitura va riportata su un’apposita fascetta da realizzarsi secondo le modalità indicate dal Comitato di Gestione del Premio.

La presenza nella cinquina finalista comporta che gli Autori si impegnino a partecipare agli eventi organizzati dal Premio in occasione delle celebrazioni conclusive, nonché ad intervenire ad iniziative collaterali – in particolare incontri di presentazione dei libri - organizzate dalla Fondazione Il Campiello o da altre organizzazioni in collaborazione con la Fondazione stessa.

Tali incontri potranno tenersi prima della Cerimonia di Premiazione come anche nei mesi immediatamente successivi la stessa, fino a chiusura dell’edizione del Premio.

b) SELEZIONE DEL VINCITORE PREMIO CAMPIELLO

Art. 12.

Le cinque opere prescelte vengono sottoposte al giudizio della Giuria dei Trecento Lettori. Tale giuria esprime in forma anonima la propria preferenza con le modalità indicate dalla Fondazione stessa.

Il voto deve pervenire alla Segreteria del Premio entro e non oltre le ore 12.00 di sabato 15 settembre 2018.

Art. 13.

Gli Editori delle cinque opere finaliste devono inviare, a titolo gratuito, cinquecento copie di ciascuna di esse alla Segreteria del Premio.

Art. 14.

Un Autore prescelto nella seduta di selezione non può ritirarsi. Nel caso ricusi il Premio, quest’ultimo viene devoluto in beneficenza.

Art. 15.

L’opera che ottiene il maggior numero di voti dalla Giuria dei Trecento Lettori è vincitrice del Premio Campiello - 56/a Edizione e la relativa dicitura deve essere riportata su un’apposita fascetta da realizzarsi secondo le modalità indicate direttamente dal Comitato di Gestione del Premio.

All’opera vincitrice viene attribuito un premio in denaro del valore di diecimila euro. Nel caso di parità di voti fra più opere, il premio viene suddiviso in parti uguali.

L’editore del libro vincitore deve inviare alla Segreteria del Premio, a titolo gratuito, cento copie fascettate.

c) PREMIO CAMPIELLO OPERA PRIMA

Art. 16.

Fra tutte le opere ammesse al concorso, la Giuria dei Letterati – a suo insindacabile giudizio – deve scegliere il libro da premiare con il titolo “Premio Campiello - Opera Prima”. La scelta del Vincitore del “Premio Campiello - Opera Prima” avviene in sede di Selezione della Cinquina Finalista.

Il riconoscimento “Premio Campiello - Opera Prima” viene attribuito all’opera narrativa d’esordio, pubblicata, di Autore vivente.

Qualora dal libro non si evinca che si tratti di Opera Prima, l’Autore o, in sua vece, l’editore, dovrà fare una dichiarazione scritta, attestando sotto la propria responsabilità tale condizione.

Art. 17.

All’Autore del libro vincitore del “Premio Campiello - Opera Prima” viene consegnato un riconoscimento nel corso della serata finale del Premio. Gli viene inoltre attribuito un premio in denaro del valore di tremila euro.

L’editore del libro vincitore deve inviare alla Segreteria del Premio, a titolo gratuito, centocinquanta copie fascettate.

La dicitura “Premio Campiello - Opera Prima” deve essere riportata su un’apposita fascetta da realizzarsi secondo le modalità indicate dal Comitato di Gestione del Premio.

PREMIAZIONI

Art. 18.

La consegna dei premi avviene a Venezia, sabato 15 settembre 2018.

I premi, salvo cause di forza maggiore, devono essere ritirati personalmente dai vincitori. In caso di mancato ritiro, verranno devoluti in beneficenza.


Mestre, 8 gennaio 2018

Link ad altri documenti

Iscrizione online: http://srvweb04.siav.net/campiello/2018/

Allegati

 Regolamento Premio Campiello 56^ edizione.pdf (293 kb)
 Scheda partecipazione Premio Campiello 56^ ed.pdf (70 kb)
 MODULO ADESIONE.pdf (325 kb)